Close

Questo sito utilizza cookie. Maggiori informazioni nella nostra Privacy Policy.

Saggio 2013 un successo pieno di colori

La Società Ginnastica Atesina ha svolto il Saggio di fine corsi venerdì 24 maggio al palasport di via Resia a Bolzano.

La carta d’identità della Società diventa un depliant vivente che espone tutte le attività ginniche sotto forma di spettacolo.

La performance durata due ore, ha visto oltre 450 ginnaste e ginnasti dai 4  a18 anni di età , è volata con la piacevolezza nel vedere le esibizioni ornate da scenografie e costumi coloratissimi , con belle musiche scelte in sintonia ai temi proposti.

 

Quest’anno l’esibizione è stata impostata sulla storia delle quattro stagioni , come filo conduttore con gli esercizi delle varie specialità ritmica e artistica. Quattro porte situate ai quattro angoli della palestra  simboleggiavano le stagioni, dalle quali uscivano i vari gruppi con costumi tematici. Fiori, fiocchi di neve , foglie, ombrelli richiamavano la primavera, l’estate, l’autunno e l’inverno accompagnate da una speaker che raccontava la storia, e i bambini divertiti la danzavano con i loro esercizi coordinati dalle loro istruttrici.

Da esercizi ludici per i più piccoli, a esercizi più tecnici e difficili per le più grandi che sono nelle categorie agonistiche hanno dato sfoggio delle loro abilità acquisite su travi, parallele per la artistica   e corpo libero con attrezzi  quali palle, cerchi clavette e nastri per la ritmica.

Le gradinate del Palasport gremite in ogni posto e su ogni gradino da un pubblico attento e entusiasta ha applaudito per tutto il tempo creando una atmosfera piena di partecipazione  degna dei veri spettacoli.

A mettere la ciliegina sulla torta sono state le esibizioni dell’ ospite speciale Julieta Cantaluppi che con i suoi sette titoli italiani e la partecipazione alle olimpiadi di Londra, ha lasciato a bocca aperta per l’alto livello di preparazione raggiunta. Si è esibita sulla pedana dell’Atesina in tre tempi diversi con clavette, nastro e palla, intercalandosi ai giovani atleti . Alla fine del saggio ha rilasciato autografi e foto appagando i desideri delle  sue fans.

La manifestazione è stata anche occasione per premiare le due allieve di ginnastica artistica che si sono contraddistinte anche a livello nazionale, Valeria Mion e Elisa Cardinale, rispettivamente di 14 e 16 anni.

Le autorità hanno espresso la loro partecipazione con entusiastiche parole, complimentandosi con la Società Atesina e la loro perfetta organizzazione. Messa in evidenza l’importanza di questa disciplina sportiva per i piccoli atleti e le loro famiglie e l’indubbio valore sociale che ne deriva.

I risultati ottenuti fanno vedere quanto passione, dedizione e professionalità possano essere determinanti nell’esito finale. Una adeguata ed equa ripartizione degli spazi e delle ore di allenamento porterebbero la Società e le loro ginnaste a livelli superiori sia tecnico che qualitativo e darebbero la possibilità di raggiungere competenze tecniche per farsi notare bene anche in gare nazionali. In questo sarebbe necessario un accordo tra le parti politiche e quelle  tecniche della Federazione Ginnastica Italiana, affinché si individuino gli interessi comuni e gli strumenti per raggiungerli insieme.

 

I nostri sostenitori

       

Area riservata